Cantina


La struttura è stata rinnovata completamente nel 2010. La cantina ha così preso la sua forma attuale, con la sala di degustazione al piano superiore e lo spazio di vinificazione a quello inferiore. Ad oggi è dotata quindi delle migliori tecnologie. Sin dalle prime fasi di ammostamento e vinificazione, per concludere il ciclo con un moderno impianto d’imbottigliamento.

 

Vinificazione

Il processo inizia in vigna ma, in epoca di vendemmia, la mole di lavoro in cantina aumenta drasticamente. Una volta raggiunto l’equilibrio dei parametri di maturazione, verificati con opportune analisi. Comincia la raccolta e cernita, eseguita esclusivamente a mano con il supporto di piccole vasche e, in certi casi, di cassette. In questa fase gioca un ruolo fondamentale la possibilità di portare il prima possibile i grappoli in cantina.

Come prima operazione le uve, subiscono una lieve diraspa-pigiatura. I bianchi, che in genere fermentano senza bucce, dopo una breve sosta in pressa soffice vengono avviati alla vinificazione. I rossi a seconda della varietà e dell’annata rimangono a fermentare e macerare per periodi più o meno lunghi. Seguiti quotidianamente per controllare il decorso di questo processo. Le fermentazioni, in certi casi spontanee, avvengono in maniera graduale a temperatura controllata. Di norma la completa trasformazione degli zuccheri in alcol impiega circa 20 giorni. Per preservare gli aromi presenti nell’uva e arricchendoli con quelli di fermentazione.

 

Affinamento

I vini rossi, dopo questa prima fermentazione alcolica vanno incontro ad una fermentazione malolattica. Mentre i bianchi trascorrono diversi mesi sulle fecce fini. L’affinamento dei vini rossi strutturati prosegue in legno. Generalmente in botti grandi, o in vasche di cemento, per un paio d’anni. In bottiglia invece, non è mai eccessivo. Per permettere al consumatore di cogliere l’evoluzione del prodotto. In modo da rimanere felicemente sorpresi dalla capacità del vino di maturare l'espressione di tutto il suo potenziale.

Come in vigna, anche in cantina l'utilizzo di prodotti enologici  è fortemente limitato. Cerchiamo costantemente di ridurre l'impiego di solfiti, grazie a una grande attenzione all'igiene. In particolare i tenori massimi di quest'ultimi nei nostri vini, raggiungono almeno un valore inferiore di tre volte a quello di legge.


 

      

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

"I vini bevibili soprattutto con amore sono come le belle donne, differenti, misteriosi e volubili, ed ogni vino come una donna va preso. Comincia sempre col rifiutarsi con garbo o villania, secondo temperamento e si concede solo a chi aspira alla sua anima, oltre che al suo corpo. Apparterrà a colui che la scoprirà con delicatezza."

Luigi Veronelli